Documento di Valutazione dei Rischi

RIFERIMENTI DI LEGGE
Il Decreto Legislativo 81/2008 Testo Unico sulla Sicurezza (Vedi Decreto):

  • all’art 2 comma 1 lettera q) «valutazione dei rischi»: valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori presenti nell’ambito dell’organizzazione in cui essi prestano la propria attività, finalizzata ad individuare le adeguate misure di prevenzione e di protezione e ad elaborare il programma delle misure atte a garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di salute e sicurezza;
  • all’art.2 comma 1 lettere  r) «pericolo»: proprietà o qualità intrinseca di un determinato fattore avente il potenziale di causare danni; s) «rischio»: probabilità di raggiungimento del livello potenziale di danno nelle condizioni di impiego o di esposizione ad un determinato fattore o agente oppure alla loro combinazione
  • all’ articolo 15 – Misure generali di tutela comma 1 lettera a) stabilisce che la prima tra le misure generali di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro è quella di effettuare la valutazione di tutti i rischi per la salute e sicurezza;
  • all’ articolo 17 comma 1 lettera a) stabilisce che tra gli obblighi non delegabili del datore di lavoro vi è la valutazione di tutti i rischi con la conseguente elaborazione del documento previsto dall’articolo 28;
  • all’ articolo 28 comma 1 stabilisce che La valutazione di cui all’articolo 17, comma 1, lettera a), anche nella scelta delle attrezzature di lavoro e delle sostanze o dei preparati chimici impiegati, nonché nella sistemazione dei luoghi di lavoro, deve riguardare tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, tra cui anche quelli collegati allo stress lavoro-correlato, e quelli riguardanti le lavoratrici in stato di gravidanza nonché quelli connessi alle differenze di genere, all’età, alla provenienza da altri Paesi e quelli connessi alla specifica tipologia contrattuale attraverso cui viene resa la prestazione di lavoro.
  • all’ articolo 28 comma 2 definisce che il documento di cui all’articolo 17, comma 1, lettera a), redatto a conclusione della valutazione può essere tenuto, su supporto informatico e deve essere munito di data certa o attestata dalla sottoscrizione del documento medesimo da parte del datore di lavoro, nonché, ai soli fini della prova della data, dalla sottoscrizione del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza o del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza territoriale e del medico competente, ove nominato

Il documento deve contenere:

  • una relazione sulla valutazione di tutti i rischi per la sicurezza e la salute durante l’attività lavorativa, nella quale siano specificati i criteri adottati per la valutazione stessa. La scelta dei criteri di redazione del documento è rimessa al datore di lavoro, che vi provvede con criteri di semplicità, brevità e comprensibilità, in modo da garantirne la completezza e l’idoneità quale strumento operativo di pianificazione degli interventi aziendali e di prevenzione;
  • l’indicazione delle misure di prevenzione e di protezione attuate e dei dispositivi di protezione individuali adottati;
  • il programma delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza;
  • l’individuazione delle procedure per l’attuazione delle misure da realizzare, nonché dei ruoli dell’organizzazione aziendale che vi debbono provvedere, a cui devono essere assegnati unicamente soggetti in possesso di adeguate competenze e poteri;
  • l’indicazione del nominativo del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza o di quello territoriale e del medico competente che ha partecipato alla valutazione del rischio;
  • l’individuazione delle mansioni che eventualmente espongono i lavoratori a rischi specifici che richiedono una riconosciuta capacità professionale, specifica esperienza, adeguata formazione e addestramento.
  • all’ articolo 28 comma 3 definisce che il contenuto del documento di cui al comma 2 deve altresì rispettare le indicazioni previste dalle specifiche norme sulla valutazione dei rischi contenute nei successivi titoli del presente Decreto (rischio chimico, rischi fisici, stress ecc.).
  • all’ articolo 28 comma 3 bis obbliga il datore di lavoro in caso di costituzione di nuova impresa, ad effettuare immediatamente la valutazione dei rischi elaborando il relativo documento entro novanta giorni dalla data di inizio della propria attività.
  • all’ articolo 29 commi 1 e 2 stabilisce che il datore di lavoro deve effettuare la valutazione ed elabora il documento in collaborazione con il responsabile del servizio di prevenzione e protezione e il medico competente qualora presente, previa consultazione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza
  • all’ articolo 29 comma 3 stabilisce che la valutazione dei rischi deve essere immediatamente rielaborata, nel rispetto delle modalità di cui ai commi 1 e 2, in occasione di modifiche del processo produttivo o della organizzazione del lavoro significative ai fini della salute e sicurezza dei lavoratori, o in relazione al grado di evoluzione della tecnica, della prevenzione o della protezione o a seguito di infortuni significativi o quando i risultati della sorveglianza sanitaria ne evidenzino la necessità. A seguito di tale rielaborazione, le misure di prevenzione debbono essere aggiornate. Nelle ipotesi di cui ai periodi che precedono il documento di valutazione dei rischi deve essere rielaborato, nel rispetto delle modalità di cui ai commi 1 e 2, nel termine di trenta giorni dalle rispettive causali
  • all’ articolo 29 comma 4 stabilisce che il documento deve essere custodito presso l’unità produttiva alla quale si riferisce la valutazione dei rischi
  • all’ articolo 29 comma 5 da la possibilità ai datori di lavoro di aziende che occupano fino a 10 lavoratori di effettuare la valutazione dei rischi sulla base delle procedure standardizzate.
  • all’ articolo 29 comma 6 da la possibilità anche ai datori di lavoro di aziende che occupano fino a 50 lavoratori di effettuare la valutazione dei rischi sulla base delle procedure standardizzate.  Tale possibilità non è però permessa per le aziende in cui si svolgono attività che espongono i lavoratori a rischi chimici, biologici, da atmosfere esplosive, cancerogeni mutageni, connessi all’esposizione ad amianto.

IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI: IL PRIMO, OBBLIGATORIO PASSO PER LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DEI LAVORATORI

Perché è necessario avere il documento?

È necessario gestire i rischi per la salute e la sicurezza sul posto di lavoro. Per fare questo è necessario pensare a ciò che, in azienda, potrebbe causare danni alle persone e decidere se si sta facendo abbastanza per prevenire tale danno. Questo è noto come  VALUTAZIONE DEL RISCHIO. Dopo aver identificato i pericoli, è necessario decidere come eliminarli e/o ridurli e/o controllarli predisponendo opportune misure di prevenzione e protezione.

Effettuare la valutazione del rischio non vuol dire creare enormi quantità di carta, ma di individuare le misure ragionevoli per identificare i pericoli all’interno della vostra azienda e decidere come intervenire per eliminarli, ridurli, controllarli.

Molto probabilmente in azienda sono già in atto le misure per proteggere i lavoratori, ma la valutazione del rischio darà loro un ordine di importanza e di tempo, darà risposte a chi ne chiederà prova e soprattutto indicherà se si possa fare di più.

Come deve essere fatto il documento di valutazione dei rischi?

Il documento che attesta la valutazione del rischio è un importante e necessario strumento di lavoro pianificazione e rendicontazione su quanto fatto e quanto c’è da fare in favore per la sicurezza e la salute dei lavoratori.

Il documento è obbligatorio e deve essere redatto secondo quanto imposto dal D. Lgs. 81/08 e da diverse linee guida comunitarie del Ministero del Lavoro e dei vari enti di controllo.

LA NOSTRA PROPOSTA: UNO STRUMENTO UTILE ED UTILIZZABILE

Il Documento di Valutazione dei Rischi redatto secondo le modalità di Gruppo Uniko rispetta i requisiti di legge e gli obiettivi imposti dalle politiche comunitarie e nazionali di prevenzione degli infortuni e delle malattie sul lavoro, ma soprattutto è uno strumento pratico di analisi, valutazione e soprattutto di dichiarazione delle capacità e della volontà di un’azienda di tutelare i propri lavoratori. Il Documento contiene e riassume tutte le informazioni che caratterizzano la vostra azienda dando loro un valore quantitativo e/o qualitativo e collegandole a specifiche azioni di prevenzione e protezione per la sicurezza dei lavoratori. Ogni parola riportata all’interno ha uno scopo preciso e un’utilità pratica al fine di ottenere il miglior rendimento possibile dal rispetto della sicurezza e della salute dei vostri lavoratori che direttamente si rispecchierà sul rendimento globale per la vostra azienda. E’ un  vero diario quotidiano per la gestione dei rischi e la programmazione delle misure di miglioramento che rappresenterà il segno di riconoscimento di fronte agli enti di controllo ai fornitori ed agli stessi lavoratori.

Gruppo Uniko mette a disposizione dei datori di lavoro un team di tecnici con esperienza pluriennale in tutti i settori merceologici che applicheranno procedure di analisi basate sull’applicazione attenta della legge, sulla conoscenza approfondita dei pericoli connessi ai cicli produttivi, alle attrezzature ai luoghi di lavoro.

Il nostro punto di partenza è quello di prendere subito contatto con la realtà lavorativa dell’azienda, rilevando i dati anagrafici e la documentazione, ‘frequentando’ i luoghi di lavoro, osservando le attività lavorative, sperimentando le funzionalità di macchine attrezzature ed impianti, classificando le sostanze ed i materiali, cercando tutte le informazioni al fine di rilevare i pericoli legati alla natura dell’azienda.

In secondo tempo analizziamo i dati rilevati applicando i nostri strumenti di valutazione ed i nostri format di reportistica. Vengono valutati tutti i rischi potenzialmente presenti dando loro un valore alfanumerico ed evidenziandone cromaticamente l’importanza e quindi la priorità di intervento. La valutazione viene svolta secondo diversi punti di analisi riportati in schede per avere la visione più completa e reale della situazione ma sempre sintetica. Le schede sono contenute all’interno di fogli di calcolo che nascondono il nostro sistema di calcolo e il criterio di priorità che ha lo scopo fondamentale di evidenziare le vere necessità e potenzialità di miglioramento.

Questi nostri strumenti permettono quindi di stampare chiari e completi report che possono essere utilizzati per tutti gli scopi del caso: pianificazioni, attività formative, rapporti con gli enti di controllo, con appaltatori, con committenti ecc.

Il nostro metodo è scientifico e prevede interviste a tutti i livelli aziendali per ottenere informazioni e dati completi e veritieri. Le proposte di miglioramento invece sono decise con la direzione cercando un compromesso efficace tra la produttività e la sicurezza dei lavoratori non trascurando nessun elemento e soprattutto non transigendo sulle situazioni più gravose.

Nel Documento non vengono solo riportate le azioni di adeguamento ma anche quelle di mantenimento diventando una vera e propria guida per il datore di lavoro, il dirigente, il Servizio di Prevenzione e Protezione, i preposti, gli stessi lavoratori.

Il format del Documento è nato e si è sviluppato dall’esigenza di avere un importante strumento per i nostri tecnici per la loro attività di consulenza continuativa presso le aziende, ma è stato reso subito gestibile dal personale interno dell’azienda in quanto è semplice, leggibile e facilmente modificabile, in poche lettere realmente UTILE e UTILIZZABILE.

Il Documento è riportato su files digitali semplici da aprire, aggiornare, modificare, stampare e corredato da una serie di allegati che contengono importanti procedure istruzioni modulistica per la gestione completa della sicurezza.

Tutti i format di documentazione di Gruppo Uniko sono caratterizzati dallo stesso stile e dalla stessa struttura e quindi sono perfettamente integrabili tra di loro per costituire un sistema completo coerente  e compatto senza ridondanze e appesantimenti teorici.

 

Potete richiedere un check up gratuito di rpre valutazione dei rischi al fine di ottenere un preventivo per la redazione del Documento e di tutte le altre relazioni sui rischi specifici che integrano la valutazione dei rischi come richiesto dal D. Lgs. 81/08.